Le pagelle: Bellanova ancora insufficiente, difesa disattenta

Le pagelle: Bellanova ancora insufficiente, difesa disattenta

Milinkovic-Savic 5: sul primo gol non può fare nulla, viene spiazzato da Giroud dagli undici metri. Theo lo scavalca con un tocco morbido sublime, forse avrebbe potuto fare qualcosina di più, ma la giocata del francese è stata di livello assoluto. Para bene su Loftus-Cheek e viene ammonito per proteste. Perde anche il secondo duello dal dischetto contro Giroud. Para su Pulisc nel finale.

Rodriguez 5: si fa saltare in maniera netta da Loftus-Cheek in occasione del primo vantaggio rossonero. Unico vero errore, ma pesante.

Buongiorno 5,5: disputa una partita tutto sommato attenta. Mariani decide di sanzionare con il penalty il tocco di mano assolutamente fortuito – e visto solamente in Sala VAR con il microscopio – dell’ex primavera granata, regalando di fatto un rigore ai padroni di casa.

Schuurs 5: fatica davvero tanto in fase difensiva, viene fatto secco a più riprese da Leao. Realizza la sua prima rete in campionato con la maglia granata raccogliendo il tiro sbagliato di Ricci e punendo Maignan. In occasione del terzo gol rossonero si fa mangiare da Theo. Infine causa il secondo rigore pestando il piede di Leao, dopo che quest’ultimo avesse messo il pallone in mezzo. Altro rigore dubbio.

Vojvoda 6-: è quasi sufficiente sulla fascia, non sono da segnalare né grandi giocate né grandi errori. Nel primo tempo mette anche un buon cross teso in area ma nessuno lo raccoglie a dovere. In una partita brutta e compromessa è tra i più positivi.

Ricci 5: fornisce l’assist fortuito per il gol di Schuurs. Per il resto è davvero distante dal Ricci visto lo scorso anno, prova insufficiente.

Ilic 5: ingiustamente ammonito per gioco pericoloso su Calabria, giallo pesante nei primi minuti di gara. Non brilla (dal 46′ Linetty 6-: ha poche occasioni per potersi mettere in mostra ed il risultato è ormai già compromesso. Viene ammonito nel finale per un fallo su Chukwueze).

Bellanova 5: ha lo scomodo cliente francese da tenere a bada e fatica un po’. A volte sembra non intendersi bene coi compagni di reparto negli ultimi metri di campo (dal 58′ Lazaro 6: in pochi minuti fa più di Bellanova nella prima metà di gara, ingresso positivo).

Vlasic 6-: dirottato sul lato destro e con una condizione fisica non ottimale non può fare molto se non giocare spalle alla porta, risultando piuttosto sterile, come l’intero reparto offensivo.
Nel secondo tempo cresce ma spesso non viene assistito dai suoi compagni di reparto, emblematico il mancato scambio con Pellegri che nel finale non si intende col croato, di fatto sprecando una delle poche buone occasioni.

Radonjic 5,5: discorso simile a quello fatto per Vlasic, non ha grosse occasioni per colpire (dal 58′ Karamoh 5,5:).

Sanabria sv: tocca quasi un solo pallone, che sbaglia. Esce per via di un infortunio al bicipite femorale destro, al suo posto entra subito Pellegri (Pellegri 5: ingresso a freddo per via dell’infortunio di Sanabria. Fa a sportellate con Tomori a più riprese, ma perde spesso i duelli. Si impegna ma è totalmente sterile).

Juric 5: con i giocatori messi a sua disposizione può fare il giusto e con un reparto offensivo così scialbo tecnicamente e numericamente è sempre costretto a dirottare Vlasic sulla destra. Sanabria si infortuna dopo pochi minuti e costringe il tecnico a mettere Pellegri a freddo. La partita, dopo un avvio straripante del Milan, si stabilizza fino a sbloccarsi con la fuga di Loftus-Cheek e con pronta risposta granata firmata Schuurs. Dopo pochi minuti l’arbitro decide di spostare gli equilibri della gara regalando un rigore al Milan e poco dopo Theo la “chiude” virtualmente con un gran gol. Nel secondo tempo dentro Linetty per Ilic e poi al 58′ Lazaro e Karamoh per Bellanova e Radonjic. Pochi minuti dopo, un altro rigore fortemente dubbio condanna definitivamente il Toro al 4-1.
Toro brutto e preoccupante in fase offensiva.
Arbitraggio davvero da rivedere.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: