Crea sito

Toro, quanti torti arbitrali. Le partite incriminate sono undici!

La moviola/ Il match di Crotone è gravemente indirizzato dagli errori di Guida. Sulla Gazzetta di oggi la compilation delle altre sviste.

Sul piano del gioco e della forma fisica, il Crotone di Cosmi ha prevalso sul Torino, apparso oltre che fiaccoma era prevedibile visto il lungo stop causa Covid-19 – anche molto fragile nel reparto in cui aveva finalmente trovato continuità: la difesa. Ieri pomeriggio Ounas e Messias hanno fatto a fette i malcapitati Rodriguez e Lyanco, che soprattutto nel secondo tempo sono stati surclassati. Eppure il Toro ci ha provato eccome a vincere la partita, bravo a rispondere con Mandragora al gol su rigore di Simy, sfortunato poi in avvio di ripresa con la traversa colpita da Bonazzoli e subito castigato sul ribaltamento dell’azione nuovamente dal nigeriano. A pesare e tanto sul risultato finale sono state le assenze in casa granata (mancavano almeno quattro titolari fra cui Belotti), una buona dose di sfortuna e una direzione di gara da parte di Guida gravemente insufficiente.

Marco Guida, fischietto della sezione AIA di Torre Annunziata

Crotone-Torino: Guida fa un pasticcio dietro l’altro. Ma è solo l’ultima di una serie di ingiustizie.

Nel primo tempo il rigore assegnato al Crotone per fallo di mano di Ansaldi è il momento sliding doors che indirizza la partita. L’esterno argentino alza il braccio per reclamare una spinta evidentemente fallosa ai suoi danni da parte di Messias, ma Guida indica il dischetto e il VAR non interviene. Un episodio molto simile a quello verificatosi in Cagliari-Bologna (mani di Nandez) rimasto impunito. Al 45′ è il Crotone a protestare per un intervento falloso da cui parte l’azione del gol di Mandragora, ma Guida è irremovibile e convalida la rete del pareggio. Nel secondo tempo ai granata vengono negati addirittura due rigori, prima per un fallo di mano di Simy su colpo di testa di Rincon, poi per il placcaggio rugbstico di Luperto su Sanabria in pieno recupero. Le sviste di Crotone però sono solo la punta di un iceberg molto profondo, che inizia un girone fa, in un Torino 2-3 Cagliari.

Torino 18/10/2020 – campionato di calcio serie A / Torino-Cagliari / foto Image Sport nella foto: Andrea Belotti

La Gazzetta dello Sport riporta gli errori arbitrali che hanno condizionato la stagione dei granata. Dal Cagliari, alla Lazio, passando per Sassuolo, Benevento e Fiorentina: quella di ieri è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso.

I dolori del Toro iniziano nel match casalingo dello scorso ottobre contro il Cagliari, quando Rog già ammonito stende Vojvoda dopo essere stato saltato. La Penna lo grazia e il Toro perde 3-2 con la complicità di Sirigu. Il round successivo è a Sassuolo, dove manca il secondo giallo a Ferrari per fallo su Verdi, senza contare la gomitata aerea di Caputo a Bremer sul gol del 3-3. Una settimana dopo la Lazio vince 4-3 a Torino (schierando Immobile positivo al covid), Chiffi punisce con il rigore le braccia di Nkoulou attaccate al corpo, mentre non reputa falloso il pestone di Luiz Felipe su Verdi. A Roma Abisso espelle Singo in 16′ mentre permette a Mancini ammonito di falciare Belotti in occasione del secondo gol romanista; contro il Benevento Giacomelli regala il penalty a Lapadula, prontamente negato da Di Bello a Lukic contro la Fiorentina per un fallo ben più evidente. La compilation si conclude per ora ieri pomeriggio, quando Guida nega ben due rigori, di cui uno solare, assegnando quello più discutibile al Crotone.

di Filippo Cappelli

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: