Crea sito

Missione Toro: battere la Roma per ipotecare la salvezza.

Vincere contro i giallorossi per mantenere il distacco su Cagliari e Parma, che si sfideranno sabato.

Il Toro ha di fronte a sé nove finali da giocare con il coltello fra i denti, con il giusto rispetto per gli avversari ma anche con la consapevolezza di poter fare punti contro chiunque. Domenica all’Olimpico Grande Torino arriverà una Roma galvanizzata dal passaggio del turno di Europa League contro l’Ajax, ma allo stesso tempo provata da fatiche, infortuni e squalifiche. E se Dzeko e compagni possono vantare uno score di 54 reti complessive in A, i ragazzi di Nicola hanno più di una ragione per credere nell’impresa e mantenere i cinque punti di distacco dal Cagliari terzultimo. Vediamo insieme perché il Toro ha le carte in regola per fare risultato contro i giallorossi, che partono comunque favoriti nel pronostico e che possono contare su una rosa di notevole qualità.

Photo LiveMedia/Ettore Griffoni Udine, Italy, April 10, 2021, Italian football Serie A match Udinese Calcio vs Torino FC Image shows: Andrea Belotti (Torino) celebrates after scoring a goal 0-1 with teammates LiveMedia – World Copyright

PERCHE’ CREDERCI – Mister Nicola ha recuperato sia Lyanco che Singo e per la prima volta da quando guida la squadra avrà a disposizione l’intero reparto difensivo, eccezion fatta per il portiere Sirigu, ancora positivo al covid-19. I granata inoltre arriveranno alla sfida dopo un’intera settimana di allenamenti, a differenza della Roma, che fino a ieri ha concentrato ogni attenzione sui quarti di Europa League e che è costretta a preparare la partita in soli due giorni. Oltre all’assenza certa di Lorenzo Pellegrini, squalificato contro il Bologna, Paulo Fonseca deve fare i conti con gli infortuni di Spinazzola, Smalling ed El Shaarawy. Il Toro dovrà puntare a far male in zona gol, vista anche la fragilità della difesa romanista che ha subito fin qui già 44 reti.

Antonio Sanabria esulta dopo il gol del pareggio nel derby contro la Juventus

PERCHE’ NO – La stagione volge al termine e la Roma ha giocato quasi quindici partite in più del Torino, ma è appena approdata in semifinale di Europa League e se vuole ancora sperare nel quarto posto deve ottenere più punti possibile nelle prossime sfide di campionato. E se nei confronti con le prime sei i giallorossi hanno spesso toppato, contro le squadre della parte destra della classifica difficilmente hanno perso punti. Fonseca ha ritrovato Dzeko, a segno ieri contro l’Ajax e contro il Toro ha perso solo una volta, a gennaio 2020, quando una doppietta di Belotti permetteva al Toro di Mazzarri di sbancare l’Olimpico. I precedenti fra le due squadre dal 2012 in poi parlano di una sola vittoria dei granata in dieci confronti fra le mura amiche – il 3-1 del 25 settembre 2016.

Roma 3-1 Torino: in foto il primo fallo di Singo, che verrà espulso al 16′

Numeri che non sorridono al Torino, che però ha dimostrato con Nicola di saper fare la voce grossa contro le grandi del campionato. Domenica in porta ci sarà nuovamente Milinkovic-Savic, in difesa potrebbe rivedersi Singo, che ha un conto aperto con la Roma vista l’assurda espulsione che pregiudicò il match d’andata. Ultima ma non per importanza sarà la voglia di riscatto di Antonio Sanabria, acquistato dalla Roma ormai sette anni fa senza mai aver avuto la possibilità di mettersi in mostra con i colori giallorossi. Dopo aver segnato a Inter e Juventus, Tonny vuole timbrare il cartellino anche domenica, per regalare punti pesantissimi al suo Torino. Prolungare la sfilza di risultati utili consecutivi per mantenere il vantaggio acquisito sul Cagliari, che sfiderà sabato sera il Parma.

di Filippo Cappelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: