Crea sito

Le pagelle di Torino-Juventus

Foto: gianlucadimarzio.com

Sirigu 6,5: la Juve parte aggressiva e lui si fa trovare pronto in almeno due occasioni pericolose, poi Chiesa lo supera facendogli passare il pallone sotto le gambe. Male in questo frangente ma decisamente migliore quando para bene sul colpo di testa di Morata. Nel secondo tempo sono due le parate importanti, una su Ronaldo e l’alta su Bentancur. 


Izzo 5: nel primo tempo è sicuramente il meno positivo dei granata, viene ripetutamente saltato ed ha parte delle colpe nella situazione che ha lanciato in porta Chiesa. Nella ripresa spesso Ronaldo lo sovrasta, una prestazione non memorabile quella del difensore granata. 


Bremer 6: decisamente il migliore della retroguardia nel primo tempo, anche come centrale, è sempre ben posizionato e di testa svetta più in alto di tutti. Forse poteva fare qualcosina di più per evitare il gol di Chiesa ma ci sono molte situazioni in cui il suo stacco di testa è risultato fondamentale. Nella ripresa non sbaglia nulla, ma è lui a tenere in gioco Ronaldo in occasione del pareggio bianconero. 


Buongiorno 6+: ha il compito difficile di dover tornare in campo da titolare proprio contro la Juve. Non sfigura e spesso si fa trovare ben posizionato, molto bene. 


Ansaldi 6: quando deve attaccare e dribblare crea sempre guai alla difesa avversaria e specialmente a Cuadrado. Situazione opposta nel duello tra i due quando è l’argentino a difendere: viene saltato facilmente dal colombiano.


Mandragora 6,5: il primo gol del Toro è in buona parte merito suo, botta fortissima da fuori area su cui Sczcesny ribatte in maniera imprecisa, propiziando il gol di Sanabria. Nei primi minuti ci aveva già provato, con palla a lato di poco. Molto bene, come ormai è normale aspettarsi da lui.


Rincon 6-: tra gli interpreti a centrocampo è il meno positivo, bene negli inserimenti e nella tenacia (da sottolineare la palla strappata ad Alex Sandro che sarebbe potuta costare cara alla Juve). Quando deve però passare il pallone è un po’ impreciso (Lukic 6+: entra molto bene in partita e si affaccia sulla trequarti sfidando il portiere avversario, che sventa il vantaggio granata).


Vojvoda 6: un po’ in difficoltà quando deve difendere, meglio quando attacca. Alcuni buoni dribbling e una buona sgroppata sulla fascia.


Verdi 6,5: schierato a supporto delle due punte è decisamente più in partita del solito. Sbaglia pochissimi passaggi e perde davvero pochi palloni, apportando imprevedibilità alla manovra granata. Nel secondo tempo azione personale: parte dalla sua area e raggiunge quella avversaria lasciando sul posto gli juventini. A mio modesto parere, una delle sue migliori prestazioni in granata (Baselli 6+: entra nel finale e sfiora il gol su punizione, Sczcesny gliela toglie dall’angolino).


Sanabria 7,5: nel primo tempo probabilmente ha toccato un solo pallone: quello del pareggio, al posto giusto nel momento giusto. Primo pallone toccato nel secondo tempo, sfida l’intera retroguardia avversaria e buca Sczcesny portando il Toro in vantaggio, sono 4 gol e un assist in 5 partite per lui. Nel finale di testa sfiora il 3-2 con un’incornata imperiosa, ma Sczcesny para. Per il resto è sempre perfetto in ogni sua giocata. 


Belotti 6,5: continuamente tamponato in maniera fallosa dagli avversari, lotta sempre per guadagnarsi un’occasione. Nella prima metà ha un pallone buono, su cui però arriva in maniera scoordinata, spesso è cercato con i cross ma la retroguardia bianconera regge (Zaza 6: entra bene in partita, non ha occasioni da gol ma contribuisce nella manovra). 


Nicola 6,5: il Toro parte timido e accusa subito le avanzate della Juve, dopo il gol subito però la partita cambia e i granata hanno numerose occasioni (considerando anche l’avversario) per incidere. Sanabria si carica la squadra sulle spalle e ribalta il risultato, il Toro poi deve difendersi e purtroppo subisce il pareggio su un gol inizialmente non convalidato per fuorigioco. Nel finale però ha ancora tre occasioni per ribaltare il risultato: prima con Lukic, poi con Sanabria e Verdi. Il Toro c’è, peccato non portare a casa i 3 punti che sarebbero stati vitali. 

Stefano, Universo Toro

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: