Crea sito

Giovani e già decisivi: Bremer-Buongiorno pilastri del Toro del futuro.

In un’annata con poco da festeggiare, i due difensori si sono guadagnati la fiducia di Nicola. Ora serve blindarli.

Può sembrare paradossale che in una stagione in cui Sirigu ha dovuto recuperare ben 52 palloni in fondo alla rete, il tesoretto del Toro sia proprio la difesa. In particolare due calciatori che, con percorsi diversi, si stanno ritagliando uno spazio da protagonisti nella formazione di mister Nicola. Parliamo di Gleison Bremer e Alessandro Buongiorno, quarantacinque anni in due, la meglio gioventù che ha dato nuovo respiro alla retroguardia granata, orfana per gran parte dell’anno dei senatori Nkoulou e Izzo.

Il brasiliano nativo di Bahia è per rendimento uno dei migliori difensori del campionato, capace di fare un sol boccone di campioni del calibro di Lukaku e Ronaldo, ma anche freddo davanti alla porta avversaria (è il terzo miglior marcatore del Toro, dietro a Belotti e Zaza). Se il classe ’97 aveva alle spalle già due stagioni di buon livello in Serie A, il ventunenne Buongiorno è alla sua prima vera esperienza nel massimo campionato – dopo aver vissuto un esordio sfortunatissimo nel 2018, subentrando a Moretti per poi uscire per infortunio solo sei minuti dopo.

Gleison Bremer, difensore del Torino dall’estate del 2018.

Dotato di buona tecnica di base e attento in marcatura, Alex ha dimostrato di meritarsi i migliori palcoscenici italiani, costringendo Nicola a ridefinire le gerarchie difensive. Panchina per giocatori con esperienza internazionale, come Ricardo Rodriguez, minuti per migliorare al giovane italiano, che dopo aver affrontato Roma, Napoli e Milan (in Coppa), è tornato in campo con successo contro Juventus e Udinese.

Torino 26/11/2020 – Coppa Italia / Torino-Virtus Entella / foto Image Sport nella foto: Alessandro Buongiorno

Bremer e Buongiorno possono diventare i pilastri del Torino che verrà, ma il club di Urbano Cairo deve pensare già adesso a difendersi dalle advances di mezza Europa (soprattutto per il brasiliano, corteggiato da Liverpool e Real Madrid). Urgono rinnovi di contratto per blindare il tesoretto difensivo e garantire al Toro un avvenire meno amaro del presente.

di Mondo Toro

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: