Crea sito

DIRETTA: la conferenza stampa di presentazione di Nicola

E’ la viglia di Benevento-Torino ma soprattutto è la giornata di Davide Nicola. Il nuovo tecnico si presenta alla stampa alle ore 13. A breve dovrebbero arrivare in sala stampa dell’Olimpico Grande Torino anche il ds Vagnati e il presidente Urbano Cairo. Segui la conferenza di presentazione con gli aggiornamenti live su Mondo Toro.

Le prime parole di Nicola:” Mi scuso per la voce bassa ma ho già cominciato ad usarla

13:19: LE PAROLE DI CAIRO: “Nicola era un capitano senza fascia. Il suo gol ci regalò la Serie A”

Il patron granata apre la conferenza stampa di presentazione del nuovo tecnico del Toro: “Con Davide sono sempre rimasto in contatto, quell’anno che ha giocato al Toro era una sorta di capitano senza fascia. Era uno dei giocatori più rappresentativi, che faceva gruppo. Nel 2005 ebbi 10 giorni per fare la compagna acquisti, feci diversi acquisti in pochi giorni e grazie a un gruppo di calciatori di buon livello, magari non eccelsi ma uomini forti di grandi qualità, riuscimmo a ottenere la promozione in serie A dopo quella doppia finale con il Mantova. Perdemmo 4-2 all’andata, dopo essere passati in vantaggio, poi dentò per fortuna Abbruscato che accorciò le distanze. Abbruscato aveva un problema all’occhio e lo feci curare dal mio oculista in modo che potesse essere in campo. Poi al ritorno anche grazie al gol di Davide abbiamo rimontato“.

Cairo:” Se oggi siamo qui vuol dire che è fallito un progetto. Mi dispiace molto per Giampaolo”

Oggi non è una bella giornata, perché quando si presenta un nuovo allenatore è perché un altro è stato esonerato, questo vuol dire che c’è stato un fallimento e qualcosa non ha funzionato e tutti ci hanno messo del loro. Mi dispiace per Giampaolo a cui ero legato, avrei voluto aprire un nuovo ciclo con lui. Gli faccio un in bocca al lupo per il futuro. Oggi però siamo qui per prestare Nicola, ho grande stima di lui, ha dimostrato di saper fare il proprio mestiere con la propria carica”.

Il presidente conclude così sulla situazione della squadra: “Se oggi siamo qui è perché più di qualcosa non ha funzionato, non mi va oggi di parlare di cosa mi ha deluso”.

13:21: LE PAROLE DI DAVIDE NICOLA: “Mi scuso per la voce bassa ma ho già incominciato ad usarla”

Mi scuso per la voce, ma ho già iniziato a usarla”. Sono le prime parole da nuovo tecnico del Torino di Nicola, che si è già saputo imporre sui suoi nuovi giocatori. “Questa è una sfida a cui tengo particolarmente, perché la storia di questo club è blasonata e importante. A me interesse iniziare da subito e non perdere troppo tempo in parole. Ringrazio il presidente e saluto mister Giampaolo, ho sempre molto rispetto per i miei colleghi”.

Nicola: “Voglio un gruppo di uomini che sappiano fare squadra”

La prima cosa che ho detto ai ragazzi è che io voglio lavorare con un gruppo di uomini, con relazioni schiette e produttive. Senza questo tipo di relazioni non si costruisce una squadra che possa andare oltre alle difficoltà. A me non interessa giudicare quello che è stato fatto prima, io ho iniziato a lavorare su quelle che secondo me sono le priorità. La costruzione del gruppo per me è fondamentale, i risultati sono il frutto del gruppo che si costruisce. Io non chiedo ai ragazzi dei risultati secchi, so che in tre giorni non posso vedere tantissime cose, a me interesse che applichino quei due principi su cui ho puntato in questo momento”.

Nicola:” Club ha ambizioni, ma anche io: 13 punti sono pochi”

Il nuovo tecnico granata sul cammino del Toro in campionato: “Da quando sono arrivato ho avuto una rosa che si è messa a disposizione per quello che volevo fare. Io ho detto che non mi interesse quello che si è detto prima, ma che ho le mie idee e che voglio vedere certi comportamenti. Abbiamo la consapevolezza che 13 punti sono pochi: ora iniziamo un percorso nuovo, so che abbiamo 20 partite per raggiungere la salvezza. E’ chiaro che un club del genere ha delle ambizioni, io stesso ho delle ambizioni, ma bisogna essere consapevoli del momento che si vive”.

Nicola sulla sfida di Benevento: “Mi aspetto che i giocatori mi facciano subito vedere ciò che ho chiesto loro”

Sulla sfida al Benevento: “Domani sera mi aspetto di vedere già gli obiettivi che ci siamo posti in questi tre giorni. I giocatori avranno il compito di seguire i principi che gli ho chiesto, io credo ciecamente in questi ragazzi”.

Per me questa è una sfida speciale, credo che avendo certi atteggiamenti, certi modi di comportarsi, possiamo uscire da questa situazione. E’ importante avere la gestione delle emozioni per il raggiungimento di questo obiettivo, solo il lavoro e la volontà ti permettere di raggiungerlo.

Tre giorni sono pochi per avere un’impronta definita, ma sono sufficienti per iniziare a lavorare verso una direzione che è quella in cui vogliamo andare. Io non ho allenato in passato giocatori di questo gruppo, mi interessa però valutarli. Per me sono tutti importanti”.

Nicola: “Belotti? La generosità non è mai qualcosa di negativo”

Belotti troppo generoso? Io adatto i miei principi di gioco alle caratteristiche dei giocatori. Noi ora abbiamo bisogno di leggerezza, di entusiasmo, tutto il resto verrà da sé man mano che ci si allena. La generosità non è qualcosa di negativo”.

Il mister granata:” Come si esce da questa situazione? Con un gruppo che sappia tenere alto l’entusiasmo”

Come si esce da questa situazione? Affidandosi al gruppo, ognuno ha la sua importanza e la sua qualità. Abbiamo iniziato una metodologia un po’ di diversa, ma ho avuto la fortuna di trovare dei collaboratori già presenti in società che mi hanno dato una grandissima mano. E’ importante mantenere un livello di entusiasmo elevato”.

LEGGI ANCHE: Marianella a Sky: Il Toro sta provando un bel colpo. Farebbe faville con Belotti”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: