Crea sito

Come voi…nessuno mai

So che il mio cuore ha bisogno, in questo preciso istante, di sensazioni percepite grazie ad un’empatia travolgente.
La tromba suona la carica, le maniche lunghe si accorciano dopo aver visto l’ora che scocca, pronto a raccontare la magia del “quarto d’ora granata”.
Allora penso sia il richiamo delle emozioni che mi spingono a mostrarmi per come sono, senza aver paura di commuovermi per uno sport, che per altri, è qualcosa di superfluo.

Allora avvicino la mia sedia alla scrivania e penso, ad un romanzo scritto da eroi divenuti angeli, grazie a quei ricordi legati ad una sfera, in grado di vivere all’interno di comuni mortali.
Il colore granata innesca una lacrima che fuoriesce dagli occhi, percorre il mio viso fino al mento, e una volta giunta per terra, fa sì che le particelle evaporino pian piano verso l’alto.
Il mio sguardo segue quel fenomeno scientifico, ma anche supremo, in grado di spingere i nostri pensieri in un posto speciale.

Non sappiamo dove siano, ma siamo convinti che dietro certe spalle si nasconda a volte, un paio d’ali in grado di farci volare, verso una terra dove vivremo tutti felici.
Nessun rischio di dimenticare ciò che è stato seminato, su quello che per alcuni “è solo un campo da calcio”.

Disposti a proteggere e onorare la memoria, nascosta dietro uniformi granata appartenenti a uomini “invincibili”,
perché…

“Solo il fato li vinse”

Scritto da:Inchiostrosportivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: