Mazzarri: “63 punti col Toro impresa storica. Torno in pista solo se…”

L’intervista a TMW/ Il tecnico toscano torna a parlare di Toro: “Mi prendo il giusto merito per quanto fatto. Belotti? Non parlo perché non so”.

Walter Mazzarri, l’allenatore che ha condotto il Torino al miglior piazzamento in Serie A da trent’anni a questa parte, è tornato a parlare dei suoi anni alla guida dei granata all’interno di un’intervista a Tuttomercatoweb.com. Il tecnico di San Vincenzo ha ricordato l’annata magica dei 63 punti, chiusa con il ripescaggio in Europa League (dopo la rinuncia del Milan): “Mi sono rimasti i 63 punti in granata che secondo me sono stati un’impresa storica. Ho avuto il giusto merito per quell’annata. Recuperavamo sempre la palla nella metà campo avversaria, il mio calcio era propositivo e offensivo, anche se qualcuno dice il contrario. Mancava un po’ di qualità davanti e sbagliavamo troppi gol”.

Mazzarri si è astenuto dal giudicare il caso Belotti: “Sul rinnovo di Andrea non posso parlare, non sono a Torino da due anni”.

Da febbraio 2020, quando decise di risolvere il contratto con i piemontesi, Mazzarri non è più tornato ad allenare, nonostante qualche offerta gli sia arrivata: “Vi dico la verità, nomi non ne posso fare ma ho rifiutato qualcosa. Un tipo come me con il Covid e senza pubblico ha perso l’entusiasmo, devo sentire la sfida. Ci sono stati club che ho rifiutato perché non voglio ritornare a lottare per la salvezza, qualcosa anche all’estero. Se arriverà una proposta che mi darà carica e adrenalina tornerò, altrimenti starò fermo“.