Il Torino si sfalda: sei senatori con le valigie in mano. Ma il tempo per rimpiazzarli non c’è.

Mercato/Cairo è pronto a disfarsi di Izzo, Baselli, Rincon, Verdi e…Belotti. A una settimana dalla chiusura del mercato, la squadra che brillò con Mazzarri può scomparire quasi del tutto.

Siamo un cantiere aperto, non sappiamo ancora neanche i nostri punti di forza, figuriamoci quelli deboli” diceva mister Juric alla vigilia di Torino-Atalanta. Una frase che rispecchia alla perfezione quanto sta accadendo all’interno della società granata. Sono ore di fibrillazione in casa Toro per quanto riguarda il futuro di almeno sei senatori, fra cui purtroppo rientra anche Andrea Belotti. Nella tarda serata di ieri, Gianluca Di Marzio riportava la notizia di una nuova trattativa con l’Inter, interessata al giocatore in caso non arrivasse a Correa della Lazio. Secondo Tuttomercatoweb.com, l’accordo fra i due club ci sarebbe già, con Cairo pronto a incassare 15 milioni dalla cessione del suo capitano. Belotti aveva dichiarato a Juric di voler restare almeno per un altro anno al Toro ma, si sa, le cose nel calcio di oggi possono cambiare a distanza di pochi giorni. E così il giocatore simbolo del granatismo, forse l’unico nella rosa attuale, sembra vicino a salutare per sempre la squadra che lo ha reso grande. Ma non è l’unico.

Andrea Belotti, 28 anni

Destino simile, con destinazioni diverse, potrebbero averlo anche altri calciatori del Torino, veri e propri senatori in alcuni casi, come Izzo e Rincon, acquisti onerosi rivelatisi poi deludenti, come Verdi e Zaza, talenti mai definitivamente sbocciati, come Baselli. E’ un cantiere apertissimo, quello del Torino di Urbano Cairo, pronto a sfaldare la squadra che con Walter Mazzarri fece il record di punti in campionato dall’era dei tre punti a vittoria (63). Sirigu e Nkoulou hanno già abbandonato la nave, Lyanco è sulla rotta per l’Inghilterra – giocherà (?) nel Southampton – Izzo può rientrare nello scambio con il Cagliari per Walukiewicz, Rincon è sulla strada del ritorno al Genoa. Ma possono partire anche Simone Verdi, su di lui Bologna e Genoa, Daniele Baselli e, chiaramente, Iago Falque. A poco più di una settimana dalla chiusura del calciomercato, il Torino rischia di non avere tempo per trovare rinforzi adeguati per una rosa già oggi deficitaria. E se parte anche Belotti…

F.C.